giovedì 11 settembre 2008

Mourinho Chiama Moratti: Problemi Con Mancini

MORATTI: Pronto?
MOURINHO: Buonasera Presidente, sono The Special One.
MORATTI: Ehh? Guardi, il fatto che io compri tutti giocatori stranieri non significa che sappia parlare anche le loro lingue, altrimenti sarei poligrotta.
MOURINHO: See, e policaverna.
MORATTI: Badi a come parla.
MOURINHO: Presidente, io non sono un pirla!
MORATTI: Neanch’io sono Pirlo, sono Massimo Moratti, Presidente dell’Inter.
MOURINHO: Insomma, sono Josè Mourinho!
MORATTI: Ah, buonasera…. Piacere, Massimo Moratti, Presidente dell’Inter.
MOURINHO: Questo lo ha già detto.
MORATTI: Ah davvero? Comunque mi fa piacere sentirla, avrei giusto una bella proposta da farle: vorrei che diventasse l’allenatore dell’Inter.
MOURINHO: Ma…. guardi che io sono già l’allenatore dell’Inter, mi avete assunto a giugno!
MORATTI: Davvero??? Maledetto Branca, fa tutto da solo e non mi dice niente… e Mancini???
MOURINHO: Lo abbiamo comprato ad agosto.
MORATTI: Un’altra volta? Ma era già nostro! Lo dobbiamo ricomprare tutti gli anni?? Tanto costa poco…
MOURINHO: Veramente io sapevo che era della Roma.
MORATTI: Ma che Roma e Roma, casomai della Lazio, è da li che lo abbiamo preso.
MOURINHO: Comunque sia, adesso è un nostro giocatore.
MORATTI: Giocacheeee?????? Cioè, adesso si è pure rimesso a giocare????
MOURINHO: Perché, aveva smesso?
MORATTI: Ma se sono anni che non corre più per il campo…
MOURINHO: Sì beh, questo me n’ero accorto pure io, ma ho dei sistemi di allenamento stupefacenti che lo faranno tornare come nuovo.
MORATTI: L’importante è che non gli guastiate la pettinatura, a me piace tanto con quel bel ciuffo biondo.
MOURINHO: Guardi che è moro.
MORATTI: Come moro? Adesso si è pure tinto?? Ma come, faceva tanto pendant quel biondo cenere con quella bella faccina bianco-pallida…
MOURINHO: Guardi che è mulatto.
MORATTI: Pure mulatto è diventato?? Se lo sapevo assumevo anche Michael Jackson… ma pensa te, si mette a fare queste cose a 43 anni suonati… mah!
MOURINHO: Come 43 anni? Sulla carta d’identità c’è scritto 29…
MORATTI: Sì vabbè, quello è merito di Oriali, gli anni in meno gli servivano per mantenere il conto studenti in banca.
MOURINHO: Bella pensata davvero… hai capito, Amantino…
MORATTI: Amantino lo dici a tuo nonno. Che razza di offesa è?
MOURINHO: Cosa? Quale offesa, io parlavo di Mancini…
MORATTI: Ancora peggio, non mi pare corretto insultare le persone quando non sono presenti.
MOURINHO: Ma guardi che Amantino non è un’offesa, è il suo nome.
MORATTI: Il nome di chi?
MOURINHO: Di Mancini. Si chiama Amantino Mancini.
MORATTI: Caspita, non pensavo che Oriali arrivasse pure a cambiargli il nome.
MOURINHO: Gli ha cambiato il nome? Ma che siete, una squadra di calcio o una filiale del KGB?
MORATTI: Se vuoi possiamo cambiare pure il tuo, in effetti Josè sembra il nome di un pappagallo più che di un cristiano.
MOURINHO: No grazie, io per tutti sono Josè Mourinho, The Special One, la mia faccia è conosciuto in tutto il mondo.
MORATTI: Beh, volendo possiamo cambiarti anche i connotati, paghiamo Materazzi proprio per quello…
MOURINHO: No no, grazie dell’offerta ma non mi interessa, la terrò presente in futuro casomai dovessimo uscire dalla Champions contro una squadretta, sa com’è, vorrei evitare l’ira dei tifosi…
MORATTI: Oh, ma quale ira, ci sono abituati ormai…

0 commenti: