domenica 20 luglio 2008

Totti-Poulsen, Tentativi Di Chiarimento

TOTTI: Pronto?
POULSEN: Buonasera Francesco, sono Christian.
TOTTI: Ah Christian, e da quando me dai del lei?? Scianelle sta li co’ te?
POULSEN: Chi???
TOTTI: Come chi? Tu sorella!!
POULSEN: Credo ci sia un equivoco…
TOTTI: Chi è questo??? E te la lasci co ‘no sconosciuto???
POULSEN: Francesco, sono Christian Poulsen.
TOTTI: E che cce fai cor telefono de’ mi fjo??
POULSEN: Mah… veramente questo telefono è mio.
TOTTI: Si vabbè, ma te che voi? Com’è che me stai a chiamà?
POULSEN: Volevo tenderti la mano.
TOTTI: Pè telefono? E che c’hai li bracci de gomma?
POULSEN: No, ma in senso metaforico.
TOTTI: Metacheee?? Ah Gambadilegno, ma com’è che ‘o parli già così bene l’Italiano che io so’ trent’anni che ce provo ma nun ce riesco?
POULSEN: Me l’ha insegnato Gattuso l’ultima volta che ci siamo affrontati.
TOTTI: Gattuso? Tanto valeva se too facevi insegna’ da Biscardi.
POULSEN: Comunque, che ne dici se ci mettiamo una pietra sopra?
TOTTI: Su Biscardi? Per me ce poi pure costrui’ ‘na reggia.
POULSEN: No, intendevo dire se eri d’accordo a lasciarsi tutto alle spalle.
TOTTI: Io alle spalle nun ce lascio proprio niente, nun vojo avè brutte sorprese.
POULSEN: Insomma, ti va di fare la pace?
TOTTI: Ah Uomo Tigre, spalanca le orecchie perché me devi da sentì bene: io co’ te ee paci nun le faccio, ‘a prossima volta che se vedemo te ricopro de bava che devi da sembra un neonato co aa placenta.
POULSEN: D’accordo Francesco, allora ti avviso che la prossima volta che ci incontriamo sarà anche l’ultima.
TOTTI: Aa prossima volta che se vedemo t’appiccico come l’uomo ragno.
POULSEN: La prossima volta che ci incontriamo nascondi un rosario nei calzettoni.
TOTTI: Forse nun hai capito, ah Rocky, io te incollo ar prato.
POULSEN: Io al prato gli lascio le tue lastre.
TOTTI: Io te tiro uno sputo che te cambia er colore de li capelli.
POULSEN: Io ti faccio un braccio teso che ti fa girare come uno spiedino.
TOTTI: Bene Puzzen, me pare che se semo detti tutto, mò poi pure ridà er telefonino a mi fjo e annà velocemente affan….
POULSEN: Un’ultima cosa Francesco: per caso, ce l’hai una sorella?
TOTTI: Perché moo chiedi?
POULSEN: No niente, per curiosità, è un trucchetto che mi ha insegnato Materazzi…

1 commenti:

monza ha detto...

bellissima!