martedì 6 maggio 2008

Prima Del Derby Moratti Chiama Mancini

MANCINI: Pronto?
MORATTI: Aleee oooh, Aleee oooh!!!
MANCINI: Pronto, Presidente?
MORATTI: Chi non salta un Benitez è! è!
MANCINI: Ehm, si calmi per favore…
MORATTI: Ronaldo, putt*na, l’hai fatto per la grana!!!
MANCINI: Casomai è la putt*na che se l’è fatto per la grana.
MORATTI: Vinceremo, vinceremo, vinceremo il tricolor!!!
MANCINI: Mi fa piacere sentirla così baldanzoso… già pronto a festeggiare?
MORATTI: Certo caro Roberto, è già tutto programmato: ore 14 arrivo allo stadio, ore 15 inizia lo spettacolo, ore 16.45 esplode il boato, ore 18 tutti in centro a festeggiare la conquista del sedicesimo scudetto con un maxi-schermo che proietterà le espressioni assunte da Galliani durante la partita.
MANCINI: Tanto valeva guardarsi “l’Esorcista” a ‘sto punto… ma quindi è già sicuro di vincere?
MORATTI: Certo, ho un asso nella manica.
MANCINI: Aaaaahhhh birbante, ma doveva dirmelo subito … sarebbe?
MORATTI: Rilascerò una dichiarazione alla stampa che motiverà al massimo i nostri giocatori.
MANCINI: Ottima idea, e cosa dirà?
MORATTI: Che questa gara è come una finale di Champions.
MANCINI: Ma… è sicuro che sia la mossa giusta? Noi non ne giochiamo una dal ’72, loro l’hanno vinta appena l’anno scorso…
MORATTI: Lo so lo so, ma siccome l’anno prossimo vinceremo sicuramente la coppa dalle grandi orecchie bisogna cominciare ad abituare i giocatori ad entrare nel clima di certe sfide.
MANCINI: Ah ecco, mi pare saggio.
MORATTI: Certo che lo è. A proposito, sei scaramantico?
MANCINI: Non so, dovrei chiedere a mia moglie.
MORATTI: Dovresti chiedere a tua moglie che cosa?
MANCINI: Se sono scarOmantico, ma credo che direbbe di no perché non le ho mai regalato neppure un mazzo di fiori.
MORATTI: Braccine corte, eh??
MANCINI: Se le avessi avute più lunghe avrei fatto il portiere anziché il fantasista.
MORATTI: Parlavo di scaramanzia. Roberto. Sai, riti propiziatori, amuleti, cornetti…
MANCINI: La prego, se chiama mia moglie non le parli di cornetti che già mi fa due palle così per via del fatto che passo troppo tempo con Mihajlovic…
MORATTI: È gelosa di Mihajlovic???
MANCINI: E di Deki.
MORATTI: De chi?
MANCINI: Deki.
MORATTI: Deco non l’abbiamo ancora preso e già è gelosa?
MANCINI: Non Deco, Deki.
MORATTI: De chi??
MANCINI: Stankovic, Presidente.
MORATTI: Ah, ma non potevi dirlo prima? Vabbè ma insomma, ci credi o no alla sfiga?
MANCINI: Mia moglie sostiene che io non credo più neppure alla f*ga, figuriamoci.
MORATTI: Buon per te, io comunque alla sfiga ci credo quindi per allontanarla dovrai ingegnarti qualcosa.
MANCINI: Del tipo?
MORATTI: Non saprei… potresti provare a cambiare il tuo look, ad esempio.
MANCINI: Mi faccia pensare… beh, potrei passare dal carrozziere e farmi dare una passata di vernice al ciuffo, me lo faccio colorare di bianco, rosso e verde… che ne pensa?
MORATTI: Ottima idea! Io intanto continuo nei preparativi dei festeggiamenti, il giorno dopo il derby che ci consegnerà lo scudetto tutti i giornali dovranno parlare della nostra impresa!
MANCINI: Il giorno dopo il derby è il 5 maggio, Presidente. Le ricorda qualcosa questa data?
MORATTI: Sì ma tranquillo, stavolta non mi fregano, Poborsky verrà sequestrato e tenuto in isolamento, Cuper l’abbiamo spedito a fare danni a Parma e a Gresko, che attualmente è assunto come ambulante in curva, abbiamo vietato persino l’ingresso allo stadio…

0 commenti: