venerdì 21 marzo 2008

Lazio-Roma Derby Truccato?

Ecco la telefonata avvenuta prima del derby che pare confermarlo...


TOTTI: Pronto?
LOTITO: Francesco?
TOTTI: No, sò io Francesco.
LOTITO: Appunto. Sò Lotito.
TOTTI: E chi è Francesco Lotito?
LOTITO: Sò Claudio Lotito, Francesco…
TOTTI: Sei Claudio Lotito Francesco? Aho ‘mazza quanti nomi c’hai, e chi sei er principe d’aa tibburtina?
LOTITO: France’, so er Presidente d’aa Lazio!!!
TOTTI: Aho Presidè, e mica ce lo sapevo che c’avevi tutti ‘sti nomi…
LOTITO: Lassamo perde va. Te chiamo p’accomoda’ er risultato.
TOTTI: Perché sé rotto?
LOTITO: Francè, vedi de seguimme però eh…
TOTTI: Dipende ‘ndo vai, ndo’ te mandano gli Irriducibbili io nun ce vengo.
LOTITO: Francè te prego, stamme dietro…
TOTTI: Tranquillo Presidè, davanti nun me ce metto sicuro, è ‘na posizione pericolosa.
LOTITO: Te chiamavo pe’ chiedete de famme vince mercoledì sera.
TOTTI: Ma che stai addì aho, ma che te sè magnato er peyote? Mercoledì c’amo er derby, nun te faccio vince’ de sicuro. 4 pappine zitto e a casa.
LOTITO: No, e ‘nvece me devi da fa vince Francè. Devo da raggiunge’ er posto in Europa artrimenti me tocca de caccia fori troppi sordi l’anno prossimo e nun c’ho entrate.
TOTTI: Preside’ manco pe’ 100 piotte.
LOTITO: Figuramose se stavo a pensa’ de caccia fori 100 piotte pe ‘comprà ‘na partita. Co’ 100 piotte ce manno avanti ‘a Lazio mia pe’ 10 anni. France’, pe’ convincete a famme vince’ io te ricatto: aricordate, ubi maior minor cessat.
TOTTI: Se è pe’ questo Laifisnau.
LOTITO: C’hai dettoo??
TOTTI: ‘O conosco anch’io l’inglese…
LOTITO: Volevo di’ solo che nun hai scelta, me devi da fa vince pe’ forza. Artrimenti te metto in mezzo a ‘na strada, dico a tu moje che mentre lei fa la iena pe’ televisione te fai er toro sul letto co ‘a Vento, te faccio nasconne ‘a macchina fotografica de Fabrizio Corona dentro ar sacco e infine chiamo in Comune e faccio mette’ un nome normale a Scianelle.
TOTTI: Presidè, nun me poi fa questo… ma nun te la poi piglia co l’arbitro?
LOTITO: Gli arbitri so’ cornuti pe’ definizione, nun je faccio danni.
TOTTI: Nun se fa così però eh, tutti uguali voi Laziali…
LOTITO: Neque imbellem feroces progenerant aquilae columbam.
TOTTI: ‘a colomba nun la vojo, se proprio me devi mannà qualcosa mejo l’ovo de cioccolato.
LOTITO: Allora che famo? Semo d’accordo?
TOTTI: E nun me lasci scerta… io però er go’ vo vojo fa, casomai vince
te 2 a 1.
LOTITO: Nun ce devi da pensa’ proprio, se provi a segna’ n’aa prossima puntata der film “L’allenatore ner pallone” te faccio fa ‘a parte der panchinaro de Crisantemi. Ar massimo te concedo de mantene’ er risultato in bilico fino all’ultimo, così quanno segnamo m’aa godo de più.
TOTTI: Ma quanti go’ ve devo da fa segna’?
LOTITO: Almeno 3. Melius abundare, quam deficere.
TOTTI: Aho, deficiente i’oo dici a tu’ sorella, anvedi questo, offende pure…

0 commenti: