venerdì 1 febbraio 2008

L'Inter Su Giovinco? Moratti Lo Chiede A Cobolli

Cobolli: Pronto?
Moratti: Pronto?
Cobolli: Pronto?
Moratti: Pronto?
Cobolli: Massimo?
Moratti: Io sì, lei?
Cobolli: Io no.
Moratti: Allora con chi sto parlando?
Cobolli: Dovrebbe saperlo, ha chiamato lei.
Moratti: Io ho chiamato Giovanni Cobolli Gigli.
Cobolli: Sono io!
Moratti: Ah, e che aspettavi a dirmelo?!
Cobolli: Cosa?
Moratti: Chi eri…
Cobolli: Quando?
Moratti: Adesso…
Cobolli: Compro una vocale.
Moratti: Mike Bongiorno è Juventino, non guardo la Ruota della Fortuna perché sicuramente è taroccata da Moggi.
Cobolli: Ah, sei Massimo Moratti!
Moratti: Sì, sono io!
Cobolli: Ah, e che aspettavi a dirmelo?!
Moratti: Cosa?
Cobolli: Chi eri…
Moratti: Quando?
Cobolli: Adesso…
Moratti: Compro una consonante.
Cobolli: E io do la soluzione. Tiè!
Moratti: Ti ho chiamato per discutere di mercato.
Cobolli: Benissimo. Ho qui al mio fianco il nostro esperto di mercato…
Moratti: Ah, Secco…
Cobolli: No, Bargiggia. E’ lui che ci suggerisce le operazioni da effettuare.
Moratti: Benissimo. Tanto più che anch’io sono qui accanto al mio consulente di mercato…
Cobolli: Ah, Branca…
Moratti: No, Mosca. E’ lui che ci suggerisce le bombe di mercato.
Cobolli: Siamo al gran completo, dunque…
Moratti: Si, dovrebbe arrivare pure Oriali a momenti, l’ho mandato in Comune a ritirare la patente di mio nipote…
Cobolli: Non sapevo che avessi un nipotino maggiorenne, complimenti!
Moratti: Veramente ha 6 anni, però siccome vogliamo farlo crescere alla svelta Lele gli ha già fatto avere carta d’identità, polizza vita, passaporto, tessera del Rotary Club e laurea in ingegneria. Ah, dimenticavo, gli ha pure procurato un certificato di nozze per sposarlo con un immigrato senegalese, ci serviva per regolarizzare la sua posizione e farlo giocare nell’Inter.
Cobolli: Capisco. Insomma, di chi mi volevi parlare? Chi ti interessa?
Moratti: Sebastian Giovinco, il miglior straniero che avete in rosa.
Cobolli: Veramente è Italiano…
Moratti: Beh, se è per questo da noi lo era diventato pure Taribo West.
Cobolli: No, questo è proprio nato in Italia.
Moratti: Ma… si chiama Sebastian!! E’ un nome straniero!
Cobolli: Sì però lui è Italiano-Italiano.
Moratti: Allora non mi interessa, non posso acquistare giocatori Italiani e continuare a stipendiare Oriali. Non avresti qualche straniero da darmi?
Cobolli: Ho la mia colf, è Cecena…
Moratti: In che ruolo gioca?
Cobolli: Stopper, nel senso che ci ho provato diverse volte ma non c’è mai stato verso di farmela dare.
Moratti: Quello non è un problema, non credo saprà resistere al ciuffo del nostro allenatore. Dichiariamo concluso l’affare?Cobolli: Un momento… non mi hai detto la contropartita che mi offri!
Moratti: Ah già, dimenticavo… in cambio ti cedo Camoranesi e Criscito.
Cobolli: Ma… sono già nostri!
Moratti: Dici? Sono al telefono con il mio amico Guido, scommettiamo?

0 commenti: